I Calamaretti e il Nero di Seppia

Calamaretti alla Griglia su Maionese al Nero di Seppia,
Corallo alla Paprika, Uova di Lompo Rosse

Astenersi deboli di palato, questo è un piatto dai sapori forti e decisi di mare, dedicato a chi è un grande amante del pesce. L’estate è la stagione dei piatti di pesce, che sono freschi, genuini e facilmente digeribili. Non so tu, ma io in estate ne mangio davvero a tonnellate, dagli antipasti, ai primi ai secondi. In questo caso, ho voluto abbinare dei calamari freschissimi del nostro mare, con nero di seppia e uova rosse di lompo, per una vera e propria esplosione di gusto nel palato. Senza troppi compromessi o ingredienti che andassero a stemperare il sapore deciso di mare. Perché se devo scegliere, io sono decisamente un tipo da pesce. E tu cosa preferisci, piatti di carne o di mare?

Ingredienti:

Procedimento:

Inizia pulendo i calamari minuziosamente, separa le teste dal corpo, e taglia i corpi in parti il più possibile uguali, facendo in modo che abbiano delle dimensioni rettangolari di circa 6 x 4 cm. Incidi con dei tagli poco profondi la pelle dei calamari. In questo modo potrai cuocerli alla griglia per pochissimi minuti, mantenendone la morbidezza.

Una volta preparata la maionese, mischiala a poco a poco con il nero di seppia. Non esagerare con il nero, o sovrasterà ogni tipo di sapore.

Una volta preparati i coralli, aggiungendo all’emulsione il mezzo cucchiaino di paprika, cerca di ottenere dei piccoli eleganti pezzi da utilizzare nella decorazione del piatto.

Metti una griglia a scaldare a fuoco alto con un filo d’olio. Quando inizia ad essere rovente, inserisci i calamari e cuocili un minuto per lato, toccandoli solo per cambiare il lato della cottura. Se puoi, ti consiglio di non utilizzare il sale, perché gli ingredienti del piatto sono già molto saporiti in partenza. Se i calamari sono freschi e di buona qualità, non hanno bisogno di altri condimenti.

Impiattamento:

  • Con un cucchiaino, distribuisci la maionese sul piatto ed inclinalo verticalmente per un paio di minuti, ottenendo l’effetto di scivolamento delle gocce.
  • Inserisci nel piatto il calamaro, che durante la cottura avrà assunto una caratteristica forma arricciata, a ponte.
  • Inserisci le uova di lompo stando attento a non esagerare con la dose
  • Inserisci il corallo e l’aneto a piacere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

<span>%d</span> blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: